Le magiche isole del Lago Maggiore amate da Hemingway

Le tre perle del lago Maggiore si trovano davanti allo splendido panorama di Stresa, che con il suo romantico lungolago e gli affascinanti alberghi, si dimostra essere una città elegante ed affascinante. Qui infatti passava l’Oriente Express, reso celebre da Agatha Christie.

I lussuosi ed eterni alberghi sono stati dimore di celebri personaggi, come Stendhal, Dumas e Dickens, ma soprattuto Ernest Hemingway che grazie al panorama e al relax di queste terre ha dato vita al suo romanzo “Addio alle armi”.

Il panorama di questo golfo quasi incantato, dipinto, circondato da ville signorili e giardini botanici, è impreziosito dalle tre stupende isole.

Arrivando sull’Isola Madre sembra quasi di trovarsi in un paese lontano, esotico, sono infatti ospitate piante e fiori rari ed esotici come camelie giapponesi ed eucalipti australiani. Ma anche pavoni bianchi, pappagalli e fagiani vivono liberamente nel meraviglioso giardino che si estende intorno al palazzo barocco, al centro dell’isola sorge l’enorme cipresso secolare del Kashmir, il più grande d’Europa.

Durante la primavera si può godere delle magnifiche fioriture di azalee, rododendri e camelie.

Se l’isola madre si può considerare la casa vacanze della famiglia Borromeo, l’Isola Bella, più vicina a Stresa, si dimostra essere quella di rappresentanza. Trasformata in un meraviglioso giardino barocco all’italiana, caratterizzato da terrazze dove vengono preservate piante rare e fiori, l’isola Bella ha preso la forma di un vascello immobile in mezzo al lago. Questi giardini furono pensati per stupire, creare illusione e suscitare meraviglia ai propri ospiti. Non può mancare una visita all’interno del palazzo dell’isola dove sono conservati arazzi e dipinti ma anche le curiose grotte a mosaico. Per i più romantici, c’è anche un albergo dove poter trascorrere una notte in questo luogo magico.

L’unica isola a non appartenere al casato Borromeo è l’Isola Pescatori, abitata durante tutti i mesi dell’anno. Quest’isola è ricca di storia ed è forse la più caratteristica. Il nome lo deve al mestiere dei suoi abitanti, che hanno sfruttato al meglio le dimensioni ridotte dell’isola per i loro scopi, ad esempio i lunghi balconi servivano per fare essiccare il pesce, le case su due piani per sfruttare al meglio il poco spazio.

Tra l’isola Bella e L’isola Pescatori, c’è lo Scoglio di Marghera, meglio noto come Isolino degli Innamorati, grazie alla sua piccola e romantica spiaggia.

Il Golfo Borromeo è un luogo unico, che nel tempo ha mantenuto il proprio fascino e lusso. Un luogo di relax e di romanticismo, dando il giusto riconoscimento ad un territorio magico come quello del Lago Maggiore.

– Alla prossima, With love 
Tommaso