La Val d’Ossola: madre fiorente del Prünent

Oggi ci troviamo nella parte più a nord dell’Alto Piemonte, esattamente a Oira, un piccolo borgo della Val d’Ossola, un luogo immerso nel verde sempre esposto al sole, dove la vegetazione è rigogliosa.

Qui si coltiva il Nebbiolo o meglio il Prünent, un clone antico locale che arricchisce il vasto panorama genetico del nobile vitigno piemontese.  La zona della Val d’Ossola beneficia di un microclima particolarmente favorevole, fortemente influenzato sia dai rilievi alpini che la proteggono dai venti freddi, sia dalla vicinanza dei laghi prealpini che convogliano masse d’aria umida lungo le pendici ossolane.

Fin dal 1920 è la famiglia Garrone a custodire i segreti della produzione vitivinicola di questo territorio inatteso e sconosciuto ai più. Oggi la quarta generazione vede alla guida delle Cantine Garrone, Matteo e Marco che mantengono fede alla tradizione familiare e creano piccoli capolavori espressione di un terroir la cui produzione di vino è documentata dal 1309.

Vinificano il Prünent in purezza, con uve provenienti da piante centenarie a piede franco, senza mai esasperare le macerazioni sulle bucce proprio per conservare l’unicità e l’ eleganza che caratterizzano le produzioni a queste latitudini e lo lasciano poi riposare in botti di rovere per almeno 12 mesi.

Un multiforme mosaico fatto di piccoli vigneti sparsi su terrazzamenti impervi è il luogo da cui le Cantine Garrone raccolgono il frutto del lavoro di un gruppo di coraggiosi viticoltori aderenti all’Associazione Produttori Agricoli Ossolani. Il vino che se ne ottiene è un vino carico di storia e di identità, un vino di montagna dal corpo esile ma dal carattere importante, spigoloso ma raffinato.

È una varietà eccezionale di Nebbiolo, il profilo è complesso, rivela note di erbe officinali e balsamiche che si integrano a piacevoli note di genziana, il sorso è caratterizzato dalla presenza di un tannino sottile e setoso e da un acidità gustosa.

Una regione sconosciuta a molti, piena di sapori nascosti pronti per essere scoperti. È la valle dell’Ossola e insieme alle sue varietà di vino uniche, rappresenta una delle gemme più eccezionali d’Italia.

– Alla prossima!
Elena